Enzo Maniscalco

News

“Disegnando il borgo”, i vincitori

I quadri premiati al concorso indetto dall’Associazione Culturale “Casa delle Arti ” a Sambuca di Sicilia

a cura di Enzo Maniscalco

 

Sono stati premiati dall’Associazione Culturale “Casa delle Arti ” a Sambuca di Sicilia, domenica 11 giugno alle h 19,00 presso il Palazzo Panitteri, alla presenza del sindaco Leo Ciaccio, il dirigente del Liceo Artistico di Sciacca Giovanna Pisano e il dirigente dell’Istituto Comprensivo di Sambuca Silvana Genco:


Liceo Artistico

1) Sparacio Salvatore 5 A


L'immagine può contenere: spazio all'aperto

 

 

2) Bivona Gloria 5 A

L'immagine può contenere: cielo, montagna, oceano, nuvola, spazio all'aperto, natura e acqua

 

 

Istituto Comprensivo

1) Proietto Elena 3 C

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

 

2) Cacioppo Elena 3 C

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

I quadri premiati, saranno esposti per un mese presso la stanza del sindaco Leo Ciaccio del Comune di Sambuca di Sicilia.

Bando

Concorso “Disegnando il borgo”

a cura di Enzo Maniscalco

L'immagine può contenere: una o più persone e sMS

L’Associazione culturale e ricreativa “Casa delle Arti”, nell’ambito della valorizzazione del territorio, dell’arte, della didattica e della cultura, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Fra Felice da Sambuca” bandisce il concorso “Disegnando il Borgo”.

Attraverso esperienze dirette, concrete e coinvolgenti proponiamo agli alunni della scuola secondaria di primo grado degli spunti di riflessione sulla valorizzazione dei beni culturali del borgo in cui vivono con l’intento di trasformare gli studenti di oggi in adulti responsabili di domani. Lo scopo del concorso è proprio quello di conoscere e vivere il borgo di Sambuca di Sicilia (Borgo dei borghi 2016) a 360 gradi, analisi ed osservazione mirata forniranno nuovi punti di vista che guideranno gli alunni in un percorso di scoperta verso la storia e il fascino dei monumenti sambucesi. Durante le uscite didattiche per il paese, gli alunni guidati dagli insegnanti dovranno analizzare e descrivere i monumenti del borgo tramite schizzi e bozzetti grafici dal vero. L’itinerario didattico-culturale per le vie del borgo guiderà gli studenti alla conoscenza dei monumenti del paese con particolare attenzione alla tutela, alla salvaguardia ambientale e alla fruizione consapevole del patrimonio culturale del borgo. Il percorso multidisciplinare coinvolge i docenti di Arte e Immagine, Italiano, Geografia e Storia.

Conoscenza, valorizzazione e sensibilizzazione nei confronti della tutela dei beni culturali sono quindi le principali finalità del progetto che sfocerà nella realizzazione di elaborati grafico-pittorici ai quali verranno attribuiti dei premi.

Regolamento

Il concorso “Disegnando il Borgo” si concretizza nella produzione di materiale artistico ispirata dalle esperienze vissute dai partecipanti all’interno della scuola, della famiglia e del territorio. Il tema potrà essere descritto e sviluppato tramite il linguaggio visivo realizzando degli elaborati pittorici su cartone telato (formato massimo cm 35 x 50) scegliendo una o varie tecniche artistiche compresa la contaminazione tra le stesse (matite, matite colorate, pennarelli, pastelli a cera, acquerelli, tempere, collage).

Ogni lavoro dovrà essere realizzato e presentato dai singoli alunni entro il 10 maggio riportando il timbro e la sigla della scuola. L’Associazione “Casa delle Arti” provvederà alla valutazione degli elaborati tenendo conto dei seguenti elementi qualitativi:

– Capacità di sviluppo dell’idea;

– Padronanza della tecnica artistica;

– Personalizzazione e originalità.

Verranno selezionati n. 10 elaborati cui saranno attribuiti attestati di merito. Tra i 10 elaborati verranno individuati e premiati 2 finalisti.

I dieci elaborati verranno esposti presso “Casa delle Arti” per una mostra collettiva che si terrà dal 14 maggio al 30 maggio 2017.

Info e contatti

Associazione culturale e ricreativa “Casa delle Arti”

Presidente Enzo Maniscalco – pittore

P.I. 02823290842 – Largo San Michele, 22 Sambuca di Sicilia (AG)

Tel. 3288759871 – email: enzomaniscalco20@libero.it

ArtRecensione

Enzo Maniscalco, pittore di nostalgiche visioni

di Mario La Carrubba

Sempre presente, come trasparente avvolgente velo, sapientemente elaborato dall’artista, colore oltremare  blu, che evaporando in cobalto prima, in cerulo poi, avvolge e plasma arcaiche oscure, verità.

Nostalgiche e atemporali visioni, nate da mitica classica cultura, si svelano ad attoniti e perplessi fruitori, come  magica  Demetra, da Omero cantata, madre terra dispensatrice di grano, emergente in statica dinamicità, solinga, statuaria, in contrastante  caldo colore,  inviare  il suo  al nostro enigmatico sguardo.

Mentre con abile inserimento surreale, si erge, emergendo da caldo siculo mare, un contorto, evanescente satiro torso, non gravato da  gravità, ma fluttuante all’apice di  composizione, costretto da moderni metalliche zip, vera traslazione temporale, ad assurgere la vetta triangolare, come composizione rinascimentale, e agave, roccia, formano la base.

Sotto astrale oscuro cielo,dove infinita immensità porta a filosofici pensieri, e di vita e di morte, misteriosamente, anime pregne di speme, nascono  improvvise coppie di alberi,  ombre, che ci avvinghiano nel loro essere, e noi diventiamo loro, e loro noi, e finiamo ad essere tutt’uno con l’opera.

Come tragedia greca, sotto mosse acque, al di sopra nuda roccia, lo straziante silenzioso urlo si spande nell’etere, dolore di donna, che, come pioggia, si riversa sull’immenso mare, spandendosi lentamente, viene trasportato  all’intera umanità, come tremendo  monito, e sopra  livido tramonto, distaccato dalle umani passioni, il cielo tingersi di scuro  inchiostro blu.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ed ecco stagliarsi, racchiusa nella sua inconfondibile lignea struttura, colma di pastoso colore, simbolo di quotidiane fatiche artistiche, emergere, fluttuante, affascinante tavolozza.

La semplice tavoletta costituita da un grande unico occhio, novello Polifemo, è pronta a donarsi completamente al volere del pittore.

Pennelli mescolano colori spremuti da variopinti tubetti, giallo limone, ocra dorata, verde smeraldo e… il blu oltremare, già sanno la posizione che toccherà loro assumere, mentre gioiscono di essere elaborati ed inseriti nel dipinto.

L’opera è terminata, e, finalmente, in una variopinta stratificazione cromatica, la tavolozza stanca, ma felice, riposa, fluttuando e mollemente dondolando resta in attesa di iniziare una nuova avventura artistica.

L’arte di Enzo Maniscalco si nutre di  lontani orizzonti, e sognanti ricordi, ricordi rivisitati e rielaborati in frammenti di quotidianità, che si evolvono in una  nostalgica interpretazione congelata in un non tempo, un non tempo irreale che  l’artista riesce a captare, e quindi a trasferire con abilità, supportata da una buona  tecnica, nelle sue opere.

Sono opere avvolte da una latente cinetica-staticità, che avvolte in enormi spazi, quasi monocromi, si evolvono in visioni metafisiche, e, che insieme al contrastato, ma equilibrato cromatismo, unito ad un disegno pulito, efficace ed a una solida  composizione, contraddistinguono in questo artista uno stile personale e inconfondibile.