CineRecensione

Burying The Ex… horror all’ultimo I-Scream! 

di Sarah Panatta

Quando la morte…non ti fa bella. Amore al sapore di cervella nella nuova fatica zombie movie di Joe Dante

burying-the-ex-35395Tesoro, sono (di nuovo) a casa! Finalmente fuori dalla…tomba. L’ossigeno non arriva quando l’amore viene spezzato da causa impreviste. E soprattutto quando i polmoni (e tutto il resto) vengono imbalsamati per la sepoltura. E non basta l’”acrilico n.9” per ricomporre un’effige umana che tende a decomporsi. Joe Dante cerca di tornare all’ironia trash e salace dei suoi gremlins, (ri)dando vita ad un personaggio questa volta voracemente e nevroticamente femminile, detestabile e molesto, nel suo ultimo Buriyng the ex, opera demenziale, dramedy cinefila e autoreferenziale punteggiata da dialoghi affilati e “dolcezze” per il mercato. Presentato a Venezia nel 2014 e proiettato in anteprima nel 2016 all’Isola del Cinema di Roma il film è quella che oggi definiamo zom com, commedia imperniata sugli stilemi della narrativa zombie, con una carrellata affastellante di infinite citazioni, dall’esilarante La morte ti fa bella ai personaggi femminili psicopatici e letali della non trascurabile Trilogia del terrore diretta da Dan Curtis per la tv, fino al pop-zom- teen-com (e chi più ne più ne metta) Warm bodies, shakespeariana divagazione in versione apocalisse zombie per ragazzini, tutto Romero e il maestro Bava – dalle allusioni sottili fino ai veri e propri poster appesi nella casa del protagonista prima della restaurazione con design eco-friendly operata dalla sua fidanzata nonché coprotagonista.

Max fa il commesso in un emporio di Halloween e vorrebbe aprire un negozio horror tutto suo. La sua compagna, Eveline, sensuale appuntita vegana creatura, è ossessionata dall’etica green, e tarata da un ambientalismo nozionistico e superficiale, dimentica con egoismo la generosità vera dell’amore, imponendo arcigna a Max uno stile di vita che lo porta ad allontanarsi dal fratellastro pasticcione e sessuomane e che lo conduce a vivere in una casa che presto diventa la piccola copia di un museo del riciclaggio, tra tappeti in fibra non calpestabile e papponi al tofu. Quando Max decide di lasciare Eveline, un autobus la investe violentemente. Tuttavia un dispettoso incantesimo attivato da una statuetta malefica che Max rompe per sbaglio in negozio, riporta Eveline al mondo reale, morta vivente arrapata e decisa a perseguire la sua never ending love story. Come potrà cavarsela Max, ora innamorato della formosa cinefila gelataia dai gusti gore, Olivia?

Antieroi simpatici e tagliati con la proverbiale accetta, botte (e risposte) spesso ironiche e un’infilata di dejavù cinematografici di genere, in ogni arredo, espressione, macchia del film, che si coagula di scena in scena nel confermare i più triti quanto necessari stereotipi (amore maledetto e immortale, villains ambigui, cannibalismo zombie, resurrezioni omicide, cimiteri spettrali, nere tanto improbabili quanto salvifici etc), confezionando un’opera obsoleta ma lieve…quanto uno slogan ecologista spammato nel mare magnum e poco “eco” del web…

Ma lo sappiamo, gli zombie ritornano…

Regia: Joe Dante

Fotografia: Jonathan HallMontaggio: Marshall Harvey

Produzione: ArtImage Entertainment, Scooty Woop Entertainment, Voltage Pictures

Con: Anton Yelchin, Ashley Greene, Alexandra Daddario, Oliver Cooper, Mindy Robinson,

Gabrielle Christian, Stephanie Koenig, Pandie Suicide, Archie Hahn, Mark Alan, Alexandra Vino,

Soggetto e sceneggiatura: Alan Trezza

Musica: Joseph LoDuca

Scenografia: Erika Rice

Costumi: Lynette Meyer

USA 2014 – Horror – Durata 88 minuti

Katie Ross, Erica Bowie, Ozioma Akagha, London May, Wyndoline Landry

Distribuzione: Barter Entertainment

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...