Poesia: Inutili certezze

Inutili certezze

Di Lorenzo Poggi

 

Cielo d’inverno

grigio metallizzato

come la portiera d’un Suv.

 

“Dentro un tablet

ci sta una ragazza

una mucca pazza

ed un caffè in tazza”.

 

“Ho scoperto un led

nel firmamento

del pavimento

sembrava un sed*

per un momento”.

 

Una M giganteggiava

sopra l’hamburger

portava un gonnellino

tutto sporco di sugo

e la faccia piena di rossetto.

 

Ho preso un aperitivo rancido

tra specchi e olive guaste,

pezzetti di pizza rubata al museo

e snack fossili.

 

Poi ho aperto la portiera

a cento metri di distanza.

 

*Sed: (abbreviazione dalla lingua inglese di stream editor, editor di flusso) è un comando dei sistemi operativi Unix e Unix-like,

Oppure Sed = Ma in latino?

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...